Il Segreto anticipazioni 25 ottobre 2017, guai per Cristobal

Dopo la morte di Severo, l’ex intendente deve fare i conti con una rivolta contadina

Cristobal, trasferitosi alla Miel Amarga, vive momenti di grande terrore nella puntata Il Segreto di mercoledì 25 Ottobre 2017 perchè si ritrova costretto ad affrontare le proteste dei contadini, uno dei quali arriva addirittura a fare irruzione in casa.

Nel frattempo Beatriz è molto triste per la sua situazione sentimentale con Matias e cerca conforto in Emilia, che, però, non può fare granché per lei. Intanto, Raimundo dimentica la scusa con cui ha motivato la sua falsa partenza, mentre

I dolori della giovane Beatriz

Beatriz vive un momento veramente difficile a causa della sua situazione sentimentale. La giovane, infatti, sta cercando disperatamente di ricostruire il suo rapporto con Matias, che lei stessa aveva lasciato per Ismael, rivelatosi poi suo fratello Damian. Quando la figlia di Hernando ha cercato di riappacificarsi col Castaneda, lui ha mostrato di non volerne più saperne di lei.

Beatriz, dunque, si confida a cuore aperto con Emilia, madre adottiva di Matias. La donna ascolta lo sfogo della ragazza e vorrebbe confortarla, ma non sembra esserle di grande aiuto; l’impresa non appare infatti delle più semplici, vista la determinazione di Matias a non voler riallacciare con la giovane Mella. La loro rottura è dunque definitiva?

Passo falso

Raimundo, che aveva finto di dover partire mentre in realtà era rimasto a Puente Viejo ed aveva sostenuto Severo nella sua commedia iscenata ad uso e consumo di Cristobal, ritorna dal “viaggio”. Colpito dalla notizia di quanto è accaduto a Mauricio, dimentica la scusa con la quale aveva giustificato la sua partenza improvvisa.

Questo, naturalmente, lo mette in grande difficoltà soprattutto agli occhi di Francisca, che lo conosce profondamente ed alla quale non sfugge il benché minimo dettaglio che lo riguardi. Come se la caverà adesso l’ex locandiere di fronte al fuoco di fila di domande che lo aspetta?

Rivolta contadina

Dopo aver salutato l’amico Severo, Carmelo rientra alla Miel Amarga, dove Cristobal lo aspetta trionfante per brindare alla disfatta ed alla fine tragica del Santacruz. L’uomo, però, si troverà immediatamente di fronte alla prima difficoltà. Fuori dalla tenuta, infatti, ci sono, con intenzioni tutt’altro che benevole, i mezzadri, che, furiosi e minacciosi, reclamano i loro diritti.

Di questo, il figlio di Salvador Castro si renderà conto ben presto quando, nel corso di una grande festa da lui organizzata, irromperà improvvisamente in casa un bracciante; tutti capiranno che l’uomo non scherza: i suoi toni non sono affatto pacifici, e questo è solo l’inizio di lunga serie di problemi fra il nuovo proprietario ed i suoi dipendenti.