Anticipazioni un posto al sole del 6 ottobre 2014
Anticipazioni Un posto al sole: ecco la trama dell'episodio di lunedì 6 ottobre 2014

Ripartono le nostre anticipazioni Un posto al sole, sulla trama della puntata di lunedì 6 ottobre 2014. La soap di Rai Tre, che va in onda a partire dalle ore 20,35, nell’episodio di lunedì, ci mostrerà l’inizio del processo contro la criminalità organizzata, che vedrà  Alberto Palladini come uno dei principali testimoni.

Prima di occuparci della trama del prossimo episodio, ci sembra opportuno analizzare i fatti precedenti, già letti con le anticipazioni del 3 ottobre 2014. Qui, infatti, abbiamo visto Otello, incurante dei divieti e delle proibizioni di Teresa, riprendere la sua moto e Tommaso vivere dei momenti di grande difficoltà.

Adesso, il processo di Palladini e l’amicizia ritrovata tra Michele e Scheggia saranno alcune delle vicende che vedremo nella puntata di lunedì 6 ottobre.

Anticipazioni Un posto al sole, trama puntata lunedì 6 ottobre 2014: Il processo contro la criminalità oraganizzata ha inizio

A Napoli c’è grande fermento per il processo contro la criminalità che vedrà Nicotera molto teso per quanto potrebbe accadere di lì a poco. Palladini testimonierà oppure no? Ammetterà le sue responsabilità oppure deluderà tutti e si tirerà indietro?

Scheggia e Michele, alla radio, sembrano essere più felici che mai. Il loro rapporto sta attraversando una fase di quiete e le burrascose vicende che li hanno coinvolti in precedenza, sembrano essere ormai acqua passata.

Renato, invece, cercherà in tutti i modi di ricucire il rapporto con suo figlio, anche se incontrerà non pochi ostacoli e non solo la chiusura di suo figlio, ma ci sarà qualcuno che gli darà filo da torcere.

Ci riuscirà? Ritorneranno ad essere quelli di un tempo? Vi salutiamo e vi invitiamo a seguire le prossime anticipazioni Un posto al sole, sulla puntata di martedì 7 ottobre 2014. Una piccola anteprima di quello che succederà? Marina vivrà dei momenti di grande sconforto, ma qualcuno sarà pronta ad aiutarla!