Grande Fratello Vip 3: Niccolò Bettarini prossimo concorrente?

Dopo l'aggressione subita qualche notte fa, il figlio d'arte potrebbe finire nella casa di Cinecittà 

Grande Fratello VIP

di 2612 visualizzazioni 0

Grande Fratello Vip 3: Niccolò Bettarini prossimo concorrente?

La terza edizione del Grande Fratello Vip è in via di costruzione e la curiosità di scoprire chi saranno i nuovi inquilini cresce sempre di più. Nelle ultime ore, uno dei nomi finiti alla cronaca per un episodio tutt’altro che positivo è stato accostato alla casa più spiata d’Italia. Stiamo parlando di Niccolò Bettarini, figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini. Il giovane ragazzo che ha subito una violenta aggressione, potrebbe partecipare al reality dopo l’appello dei fan che lo vorrebbero sul piccolo schermo.

Grande Fratello Vip 3: Niccolò Bettarini nel cast?

Negli ultimi giorni, si è parlato molto di Niccolò Bettarini per via dell’aggressione subita fuori ad una discoteca di Milano. Il tragico episodio ha spinto molte persone a circondare d’affetto il giovane ragazzo, il quale è finito all’ospedale dopo aver ricevuto alcune ferite di arma da taglio. Tanti fan del figlio d’arte hanno mostrato la loro solidarietà e di recente hanno fatto una sorte di appello: vederlo nella prossima edizione del Grande Fratello Vip, una volta tornato in sesto. D’altronde, Niccolò era già stato accostato al reality durante l’edizione precedente, ma per il volere della madre e del padre, ha dovuto rinunciare. Questa volta, però, le cose potrebbe essere diverse anche perchè il ragazzo è maturato e sarebbe pronto alla sua prima avventura televisiva.

Grande Fratello Vip 3: le condizioni di Niccolò!

Il giovanissimo Niccolò Bettarini ha dovuto fare i conti con un’aggressione che poteva costargli caro, ma nonostante ciò non si è perso d’animo. L’appello dei fan potrebbe essere ben accolto, anche se per adesso l’unico pensiero di Bettarini jr. è quello di recuperare al 100%. In un recente post pubblicato su Instagram, il ragazzo ha speso alcune parole: “Voglio ringraziare la mia famiglia che mi è sempre stata vicino. Sono un ragazzo fortunato e, mai come ora, sento veramente di esserlo, non solo per il fatto di essere qui a scrivervi questo post, ma anche perché so di avere degli amici che mi hanno salvato la vita. Sarò sempre grato al pronto intervento dell’ambulanza e del trauma team dell’Ospedale Niguarda di Milano. Da questa esperienza esco più forte di prima, con la consapevolezza di aver rischiato tanto. Ringrazio, inoltre, la questura e le forze dell’ordine per il lavoro che stanno svolgendo. Grazie a tutti per l’affetto che ci avete dimostrato. Ricordate sempre di essere voi stessi ma soprattutto, ricordate chi siete“.